I Lions con il dg di Asst Mara Azzi

A Mantova l’hub vaccinale chiude ringraziando i volontari. Lions in prima fila

In occasione della chiusura dell’hub vaccinale allestito nella Grana Padano Arena (ex PalaBam), il più grande della provincia di Mantova, i vertici di Asst e Ats hanno voluto ringraziare le associazioni di volontariato che si sono prodigate in questi mesi di pandemia, consentendo di cogliere risultati straordinari. Sono poco meno di 600mila le somministrazioni operate nel mantovano, con una percentuale di vaccinazioni (tra ciclo completo, prime e terze dosi) tra le più alte della Regione e del paese. Un obiettivo lusinghiero raggiunto anche grazie all’attività dei Lions, che hanno messo a disposizione Upload, l’unità mobile del Distretto 108Ib2.

Scaricate le apparecchiature per lo screening di vista e diabete, nei mesi scorsi il camper – trasformato in vero e proprio ambulatorio mobile per le vaccinazioni – ha percorso 5.000 chilometri per raggiungere da un capo all’altro della provincia le strutture residenziali e diurne dove vaccinare “a domicilio” soggetti fragili, famiglie e caregiver; mettendosi poi a disposizione dei Sindaci di Alto e Basso Mantovano, oltre al capoluogo, per incrementare la quota di persone vaccinate. Il camper blu e giallo con il logo Leo, Lions e LCIF si è rivelato elemento strategico nella campagna vaccinale: inoculazioni a cura del personale sanitario, logistica e servizio d’ordine in capo ai Lions, che durante la cerimonia (commovente in alcuni passaggi) hanno ricevuto un riconoscimento per l’attività svolta facendo rete con Protezione Civile, Croce rossa, associazioni di volontariato del territorio.

Come ha ribadito il nuovo direttore di Asst, Mara Azzi, “la sinergia che si è attivata tra sanità, associazioni e istituzioni rappresenta probabilmente l’unica nota positiva di questa esperienza”: concetto ribadito dal vescovo Busca (“il nuovo vocabolario della pandemia mette in primo piano le parole solidarietà, prossimità, attenzione: reti come questa sono sempre più necessarie per costruire e consolidare un forte senso di comunità”) e dal sindaco di Mantova, intervenuto in rappresentanza dei colleghi della provincia. Guido Bertolaso, coordinatore della campagna vaccinale di Regione Lombardia, trattenuto all’estero da un volo cancellato, ha inviato un videomessaggio in cui, oltre a complimentarsi per l’efficienza e l’efficacia dello sforzo dei mantovani (da gennaio 591.490 vaccinazioni: 86% prime dosi, 77,30% ciclo completo e 2.449 terze dosi), ha tenuto a precisare che la visita, doverosa, è solo rimandata.

In rappresentanza delle associazioni, hanno parlato il coordinatore della Protezione Civile Roberto Cirelli, Giorgio Gabrieli per il collegamento provinciale del Volontariato e il PDG Federico Cipolla che, a nome dei Lions, ha invitato le istituzioni a non disperdere il grande patrimonio di relazioni e collaborazioni che ha prodotto risultati tanto importanti. E’ di queste ore la richiesta si Asst – per il momento informale – del supporto dei Lions in vista della nuova campagna di vaccinazione per la terza dose: aggiornamenti a breve.

Le targhe sono state consegnate ai club Mantova Host, Mantova Andrea Mantegna, Viadana Oglio Po, Padania, Sabbioneta Nova Civitas e alla Fondazione Lions Bruno Bnà.


Nelle immagini, la foto di gruppo con il direttore generale Asst, Mara Azzi e le targhe assegnate a Fondazione Bnà e Lions Club Mantova Host

La targa assegnata a Fondazione Bnà
La targa assegnata al Lions Club Mantova Host